Debito pubblico, parla Moscovici: “Dialogo ma nel rispetto delle regole”

E’ atteso per mercoledì il giudizio dell’Ue sulla lettera di replica dell’Italia sul debito. Il commissario agli Affari Economici Pierre Moscovici intanto avverte: “L’Europa è una comproprietà, ci sono regole che tutti osservano e non possiamo avere nemmeno uno che se ne disinteressi. Ma la mia parola d’ordine è dialogo, dialogo, dialogo”.

“Ne saprete di più mercoledì”, ha concluso il francese, riferendosi al momento in cui la Commissione dovrà dare il suo parere sulla lettera inviata da Roma.

Intanto Salvini insiste sul fronte fisco: “Il Governo va avanti se mantiene l’impegno di tagliare le tasse, presto e bene. Con Tria abbiamo ragionato di tasse e Europa, uno choc fiscale è l’unico modo per rilanciare l’Italia”. Il ministro aveva prima colloquiato con il il collega dell’Economia.

Nel frattempo emergono i dati sul reddito di cittadinanza: “fino al 31 maggio sono state 1 milione e 270 mila, sono in linea con quelle previste e c’è un tasso di rifiuto del 25%, cioè quelle respinte. Se si conferma questo andamento avremo 1 miliardo l’anno che poi potrà essere utilizzato dal Governo”.

Lascia un commento