Lettera Ue: da Italia insufficienti progressi sul debito

L’Italia non ha fatto sufficienti progressi sul debito nel 2018. E’ quanto scrive la Commissione Ue nella lettera di richiesta di chiarimenti inviata all’Italia.

Nella missiva – del vicepresidente della Commissione europea Valdis Dombrovskis e del commissario Pierre Moscovici inviata al ministro dell’Economia Giovanni Tria – viene chiesta al governo italiano una risposta entro venerdì 31 maggio.

Sulla base dei dati notificati relativi al 2018, scrive la Commissione Ue, “si conferma che l’Italia non ha fatto progressi sufficienti verso il rispetto della regola del debito nel 2018”. Pertanto, la Commissione “considera la preparazione di un rapporto ex articolo 126(3) del trattato, sul quale il Comitato economico finanziario” del Consiglio (Efc) “dovrà dare la sua opinione”.

Lascia un commento