Boom ad aprile dell’indice manifatturiero nell’Eurozona

 

L’Eurozona registra un’ottima crescita del settore manifatturiero ad aprile. Lo conferma l’ultimo report di Markit sui PMI, gli indici sulle aspettative dei direttori acquisti delle aziende manifatturiere. Nel mese di aprile , infatti, l’indice sale a 60,7 punti, da 59,8 precedenti: è il miglior risultato mai registrato prima, secondo quanto sottolinea Ihs Markit. Il tasso di aumento della produzione è stato il terzo più elevato in quasi 23 anni di storia dell’indagine, mentre la crescita dei nuovi ordini, conseguentemente al rafforzamento della domanda da parte dei clienti e alla migliore fiducia del mercato, è risultata la più alta da aprile 2000.  L’Indice destagionalizzato Purchasing Managers Index del settore manifatturiero italiano – che con una sola cifra fornisce un quadro degli sviluppi delle condizioni generali del settore manifatturiero – ad aprile ha registrato 60,7, in salita da 59,8 di marzo e ha segnalato il maggiore miglioramento delle condizioni operative dall’inizio della storia dell’indagine, nel giugno del 1997. La prestazione straordinaria di aprile, spiega Ihs Markit, è attribuibile soprattutto alla crescita più veloce della produzione e dei nuovi ordini: la prima in aumento al terzo valore record su base mensile, mentre i nuovi ordini totali sono cresciuti al livello maggiore in 21 anni. Le aziende campione hanno attribuito la crescita alla migliore domanda e alla maggiore fiducia da parte dei clienti. Gli ordini esteri ad aprile sono rimasti elevati, aumentando notevolmente anche se ad un tasso leggermente più lento di quello di marzo.

Lascia un commento