Bankitalia vede nero, Visco: “Diffuso peggioramento delle prospettive di crescita”

“Il peggioramento delle prospettive di crescita è diffuso” su scala globale e anche in Italia “i rischi sulla crescita sono orientati al ribasso e dipendono, non solo per il nostro paese, oltre che dalle tensioni geopolitiche, dalle prospettive dell’economia negli Stati Uniti, dove, anche a causa della forte restrizione delle condizioni monetarie, molti indicatori scontano una possibile contrazione del prodotto nei prossimi mesi”. Lo ha rilevato il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco nel suo intervento alla 98esima giornata mondiale del risparmio. “Negli ultimi mesi l’incertezza che caratterizza il quadro economico e finanziario internazionale è notevolmente aumentata.
L’attività economica globale – ha detto – risente pesantemente delle conseguenze dell’aggressione dell’Ucraina da parte della Russia”. Visco ha ricordato che nell’ultimo Bollettino economico Bankitalia h formulato una previsione di “scenario di base” che stima un limitato più 0,3% del Pil sul 2023, ma anche uno “scenario negativo”, che prevede una completa interruzione delle forniture di energia dalla Russia in cui il Pil calerebbe dell’1,5% circa il prossimo anno.
“Ulteriori ripercussioni negative potrebbero derivare da un eventuale brusco rallentamento dell’economia cinese, principalmente connesso con le fragilità del settore delle costruzioni – ha avvertito – nonché dalla persistenza dell’inflazione su livelli elevati più a lungo di quanto attualmente previsto”.

 

 

Lascia un commento